Informa Arte

Ars Magistris GROUP

Melinda Miceli e il suo Grand Tour standhaliano

Melinda Miceli è il soggetto di questa mia stesura perché ispirata dal suo enorme lavoro di volontaria della cultura e dell’arte.
La Sua attività ha una forza epica e un’energia ultramondana, probabilmente gli dei Le hanno concesso di governare il tempo che sfugge ai comuni mortali…
Le Sue Opere, in ogni campo, si estendono e susseguono, mantenendo livelli impensabili per
una tale messe di scritti tra reportage di viaggio, recensioni d’arte e libri colti.
La Sua nuova opera letteraria non si discosta dai Suoi recenti Lavori
imperniati sul significato spirituale e artistico della costruzione delle
Cattedrali. “La Catedral del alma” pubblicata in tutti i paesi di lingua spagnola da Ediciones Matrioska, mirabile romanzo indottrinato e d’arte, esibisce un continuum, un filo rosso che guida la Sua la ricerca della Bellezza.
Questa Sua missione è alla base della nuova e internazionale pubblicazione e trasmesso in ogni pagina che la Miceli traccia come capolavori linguistici ed estetici su tutti i livelli percettivi.
Il “giro” che la Scrittrice è Critico d’arte compie è come un GranTour stendhaliano in cui l’anima
incantata dai luoghi più magici, diventa strumento di elevazione.
Come Artista e Curatrice d’Arte, non sottovaluta l’Arte moderna e ciò non
è usuale tra gli estimatori di periodi come quello Gotico. Non si “rifugia” in ciò che non c’è più, ma vuole
ricostruire quell’Umanesimo messo in pericolo dall’uso errato
di strumenti di per sè positivi.
Il Filosofo Galimberti, in un’opera recente,
ha illustrato i pericoli di uno sviluppo tecnologico non guidato da un’
adeguata crescita etica e culturale.
Bene, sono convinta che Lei, con tutti i Suoi Lavori voglia colmare questo divario.
Esiste una Terra d’oro dentro di noi; pochi ne sono consapevoli. Meno
ancora sono coloro che si mettono in cammino.
Buon Viaggio Dott. Miceli come per i grandi Maestri apparsi in ogni era, a Lei la mia infinita stima di Scrittrice e Sua lettrice.


Alessandra Marinacci