Informa Arte

Ars Magistris GROUP

Intelligenza Artificiale, un progetto della Fondazione Amedeo Modigliani

La Fondazione Amedeo Modigliani avvia un progetto in grado di rivoluzionare le attribuzioni delle opere di Amedeo Modigliani.

Nel panorama dei cataloghi e delle attribuzioni dell’artista c’è da sempre uno scenario torbido e costruito sul malaffare e in molti casi dall’incompetenza dei cosiddetti “esperti”.

L’intelligenza artificiale è in grado di rivoluzionare tutte le attività di certificazione basate su conoscitori e analisi scientifiche che spesso risultano essere inattendibili ed errate.

La Fondazione, grazie al supporto di primari istituti pubblici, sta avviando una procedura per una combinazione sempre più efficace tra gli algoritmi per riconoscere le opere false da quelle originali. Il sistema sarà in grado di accertare la paternità dell’opera riconoscendo il tipo di pennellata sulla tela, i contorni del tratto, della passata; la pressione del pennello in fase d’opera, la forma della pennellata, e in generale il tocco dell’autore. Grazie ai dati acquisiti e alle reti neurali, le moderne macchine possono leggere ogni peculiarità dell’artista; verrà creato un importante database solo da collezioni riconosciute e di indubbia provenienza e da opere museali.

Ci sono già studi su altri autori che mostrano che la metodologia proposta può classificare i tratti individuali con una precisione del 70%-90% e per i disegni con una precisione superiore all’80%. L’obbiettivo che ci proponiamo è di innalzare queste percentuali in modo da avere dei valori assoluti di validità e di far soccombere il mercato dei falsi e dei falsari sull’opera di Amedeo Modigliani.

PRESS OFFICE & P.R.

Paola Dongu | PD&Associati

paola.dongu@pdassociati.com

Tel. +39 0362 1636603 | Mob. +39 348 2595888